Una lavagnata al giorno

sabato 16 maggio 2015

Trasforma un nome in una serie di elementi chimici

La mia fissa per le tavole periodiche è stata già trattata in qualche post qua e su Twitter. Non perché ami la Chimica (che insieme a Fisica e Filosofia detestavo) ma perché mi piace tutto ciò che raccoglie, colleziona, mette ordine. Questa fissa è ereditaria, perché mio figlio 7enne ha una venerazione per questo strumento sia in versione digitale che in versione cartacea e proprio oggi ha riesumato a casa dei nonni quella che manipolavo e chiosavo io a 15 anni, al Liceo.
Qualche mese fa, in chissà quale dei tanti aeroporti che vedo, ero rimasta colpita da un pannello pubblicitario in cui il nome del prodotto (chissà quale: nelle pubblicità non bado quasi mai al prodotto) era scritto con tasselli di elementi della tavola periodica. Al rientro a casa, l'ho raccontato a mio figlio che ha poi voluto fare il gioco del trasformare i nomi in sfilze di elementi chimici.
Poco fa, cercando ben altro, ho trovato questo simpatico servizio on-line che trasforma le parole semplificando il lavoro. Ecco, si tratta di "Make any words out of Elements in the Periodic Table" su  www.lmntology.com:

http://www.lmntology.com/nameAsElementsWhite.php

Share

sabato 28 marzo 2015

Meme e grammatica

Riordinando i miei materiali mi ritrovo questi simpatici meme fatti dagli alunni (la consegna era realizzare dei meme che contenessero una proposizione concessiva).
Gli alunni hanno usato https://imgflip.com/memegeneratorhttp://www.memecreator.org.




Grazie a questa foto ho sgamato un alunno che copiava frasi da qua: http://ilmigliorweb.blogspot.it/2012/03/le-proposizioni-subordinate-concessive.html





Share

mercoledì 25 marzo 2015

Minecraft per ricostruzioni virtuali di Storia e Geografia: alcuni esempi

Su Minecraft ne so meno dei miei alunni, indubbiamente. E, allo stato attuale, non mi interessa imparare a usarlo (non avrei il tempo materiale), ma mi piace l'uso che i miei alunni ne fanno per scuola.
Tutto è iniziato con la mia seconda di due anni fa (la classe che fin dalla prima attuò un BYOD voluto dai genitori sulla scia di Cl@ssi 2.0).
Il pregresso: talvolta  mostravo ai ragazzi dei machinima di ricostruzioni  realizzate da me o da terzi nei mondi virtuali, talaltra assegnavo dei plastici (con materiale di riciclo) per Storia o Geografia. Un giorno assegnai un plastico sulla Rivoluzione industriale e qualche alunno fece 2 + 2 (ricostruzione + machinima: Minecraft).
In questo video si vede una "diretta dal passato": era la primavera del 2013, io riprendevo gli alunni che mi mostravano la loro prima ricostruzione, mi stupivo in diretta, dicendo anche cose buffe delle quali potrei vergognarmi ma che contribuiscono a rendere l'idea del clima meraviglioso che c'era in quella classe.


Minecraft per la Rivoluzione industriale from Anna Rita Vizzari on Vimeo.

Ecco Nicola che tiene lezione su Minecraft.
Ricordo che a volte gli alunni hanno dovuto adottare soluzioni poco filologiche e molto tecniche: usare recinti per circondare il Capitalista nella fabbrica o gli animali sui tetti del villaggio neolitico di Çatalhöyük. La spiegazione era che i personaggi tendevano alla fuga e l'unico modo per tenerli fermi era recintarli.

Qualche altra ricostruzione che hanno fatto in seguito questi alunni e quelli delle due classi successive? Ho testimonianze grazie al live twitting fatto in certe occasioni.

Storia classe prima: Çatalhöyük , domus pompeiana (foto da cercare), castelli medievali

Storia classe seconda: rivoluzione industriale





Storia classe terza: trincea





Geografia classe prima: il Ciclo dell'acqua
Alcuni (sempre più) alunni della mia attuale prima usano Minecraft per realizzare machinima delle loro stesse ricostruzioni. Un esempio: questo simpaticissimo Ciclo dell'acqua:


Ciclo dell'acqua su Minecraft from Anna Rita Vizzari on Vimeo.

Avrei tanto altro materiale ma dovrei ripescarlo qua e là in questo o quel device, in questo o quel cloud. Share

venerdì 20 marzo 2015

Tavolo di lavoro: competenze digitali

Mercoledì scorso ho avuto l'onore di fare parte, a Roma, del tavolo di lavoro (ideato da Antonio Fini con Laura Biancato nonché realizzato da ANP con il sostegno di Microsoft Italia) per la costruzione di una proposta di curricolo sulle competenze digitali. Il lavoro proseguirà on line su onedrive.live.com della Microsoft.
Ecco le persone coinvolte (alcune delle quali sono per me dei riferimenti da anni):
  • Responsabile del progetto: Licia Cianfriglia, dirigente, vicepresidente ANP
  • Referente per Microsoft Italia: Stefano De Giorgi, Responsabile Innovazione Scuola Microsoft 
  • Coordinamento Gruppo di lavoro: Antonio Fini, dirigente ANP. 
    Componenti:
  • Docenti universitari: Antonio Calvani; Roberto Maragliano
  • Dirigente tecnico: Franca Da Re
  • Dirigenti scolastici: Daniele Barca; Laura Biancato; Antonio Fini; Pinella Maria Giuffrida
  • Docenti: Paolo Aghemo; Roberto Bondi; Linda Giannini; Paola Limone; Anna Rita Vizzari.
Ovviamente sono l'ultima dell'elenco.
Molta concentrazione e poca documentazione: proprio non ho pensato di scattare fotografie e di twittare. Per fortuna ci ha pensato Laura Biancato:
Share

domenica 8 marzo 2015

La formazione ad Arcola

Mi rendo conto che, a 9 giorni di distanza, non ho ancora scritto un post sulla mia esperienza nella scuola di Arcola (isa18sp.gov.it), dove ho avuto l'onore di essere invitata dal dirigente Antonio Fini. Va detto che ero abbastanza terrorizzata perché Fini è un formatore e un autore che ha segnato il mio percorso formativo.
Il Prezi
Il mio intervento (questo il Prezi) era articolato in 3 parti:
  1. una carrellata delle esperienze salienti come insegnante che ha naturalizzato le tecnologie nella didattica curricolare,
  2. una panoramica sulle possibilità offerte dai diversi strumenti (dalla LIM ai dispositivi ai webware),
  3. un momento laboratoriale (che non abbiamo concluso per via della nascita di un interessante quanto proficuo dibattito).

Abbiamo fatto anche un po' di live tweeting/twitting. Antonio Fini twittava in tempo reale e contemporaneamente  (chi dice che gli uomini non sono multitasking?) gestiva il dibattito, dando un plusvalore all'incontro con le sue profonde riflessioni.
La tagboard dei tweet è qua: https://tagboard.com/arcolalab/search; il mio tweet preferito è questo che mi fa vedere da un'altra prospettiva:
Share